Sognatori di realtà

Ci sono parole che mettono in moto lo spazio. Grazie a esse, la visione intellettuale (come l’appellava Teresa D’Avila) si slarga, intuendo panorami impensati, itinerari inauditi – laddove il pensiero abitudinario vede solo porte chiuse.
Sono le parole della grande poesia e del racconto, senz’altro, ma sono anche le parole di filosofi, intellettuali, progettisti, sognatori di realtà.
Eccone uno splendido esempio:
Quanto accade, gli avvenimenti e gli eventi, i casi viaggiano in modo incalcolabile e insignificabile, “fuora de’ i discorsi et concetti che si fanno” (…), “fuora d’ogni umana coniettura“. Le cose, nella parola, seguono il loro ritmo, come il vento e l’acqua, salgono e scendono, vengono e vanno. Come nell‘Ecclesiaste.Come nella Cena di Leonardo. (…)
(A. Verdiglione, Niccolò Machiavelli, p.13, 1994; Spirali edizioni:
www.spirali.com).

Ogni sera, presso la piccola biblioteca ‘Antonio Corchia’, davanti al mare di Otranto, si tengono incontri di lettura e conversazione.
(www.webalice.it/robertocorchia)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...