Aria d’opera

Si avvicina il tempo dell’Incantesimo wagneriano, l’aria è leggera. Un’altra vita si enuncia, senza colpa ma aperta sulla sua originaria e radicale insostenibilità. Non c’è alibi da cercare all’impossibile, non resta che cantarlo… Così Parsifal canta lo strano miracolo del Graal, mentre il coro lo accompagna dall’alto. “Pietà rende saggio il puro folle”, si recita, e le mura del Monsalvato cambiano aspetto… Il tempo, il tempo è altro, quando nemmeno la morte è utile alla propria e altrui normalizzazione. Nulla da ridurre; esplode la natura, come la forza dell’essere – di diritto esplode. E gli amanti non sono paghi di essere qualcosa che non sia la notte stessa del loro incontro – essere almeno la luna, quella luna. Devastante è l’esperienza; chi vorrà viverla? … Per fortuna, ancora il maestro di Lipsia nel Tristano ci regala degli accordi fluttuanti che ci portano un insperato oblio.

(by r.c.)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...