La lettera e l’ascolto

Aprire nuove pagine, provare a scrivere … qualcosa verrà. Dove andiamo, quale destino? Cosa saremo, questa volta? Più vicina la lettera, a ciò che ci importa, che il nostro pensare. Più vicine queste vane parole, questi balbettii… Cosa ne sappiamo noi di ciò che ci importa? Sappiamo forse appena quel che ci dà noia. Null’altro. Eppure si incide, ciò che ci riguarda; tra tante difficoltà… Se ci fosse un po’ di ascolto, se non fossero tutti così presi in quella presa … potremmo svistare, e qualcosa ci sarebbe restituito. Ma intanto bisogna che lavoriamo con questi segni, con lealtà dobbiamo gettarci in queste righe – e con fiducia. Non c’è altro modo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...